VIABILITA’ E TRAFFICO: QUALI PROGETTI PER SAN LAZZARO?

Alle nostre rimostranze il Sindaco risponde che vi saranno “straordinarie novità per il futuro che saranno presentate a gennaio 2018”. Un annuncio molto “pubblicitario” che parla di novità di cui nessuno è attualmente a consocenza.

E allora noi facciamo i conti con la realtà dei fatti. Tra la (presunta) riqualificazione ad opera dei lavori del “Crealis”, le rotonde sul territorio, i lavori per le ciclabili nel capoluogo e nelle frazioni (saranno poi utilizzate?), la chiusura di parcheggi (come quello di Via Gramsci) o l’apertura di altri parcheggi (come quello all’altezza della Stazione Ferroviaria), qualcosa non torna.

Qualcosa non torna, dicevamo. Ci sfugge quale sia il filo conduttore, ci sfugge quale sia il comune denominatore di tutti questi interventi. Se, infatti, l’ultimo PGTU pubblicato dal Comune risale al 2011/2012 e all’interno di quello si analizzavano viabilità, flussi del traffico, problema parcheggi, criticità e migliorie, non capiamo il motivo per cui non sia stato fatto un aggiornamento. Dal 2012 per caso la città è rimasta immutata oppure, com’è evidente tra nuove costruzioni e l’aumento dei mezzi, si sono susseguite modifiche significative?

Ecco, ad oggi, gli interventi posti dalla Giunta ci sembrano non solo un po’ spot ma anche sfuggire ad un disegno più generale. A ciò si aggiunge una grande domanda (sarà il progetto di cui parla il Sindaco?): come mai a pagina 31 del PEG 2015 – programma di gestione della Giunta – in virtù dei lavori del Crealis l’Amministrazione si prefiggeva un aggiornamento del PGTU con una precisazione – non meglio definita- di “disincentivazione traffico sulla Via Emilia con individuazione di percorsi alternativi”?

La nostra città non ha bisogno di interventi spot né di messaggi pubblicitari, ma di un piano GENERALE concreto.

Alessandro Sangiorgi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *