Dalla “cittadella dello sport” ad oggi: un viaggio senza ritorno?

2015SF52_BANNERNegli ultimi mesi si è parlato tanto delle strutture sportive sanlazzaresi. Come ricordato anche su Vivere San Lazzaro, in passato si era tanto parlato della “cittadella dello sport” ma ad oggi assistiamo ad un vero e proprio degrado degli impianti sportivi.

Infatti, prima è stato chiuso per scarsa (…) manutenzione il Palasavena (in questi giorni il Comune ha dato vita ad un bando per la gestione dello stesso), poi lo Stadio Kennedy per i noti problemi con il precedente gestore.

Viene da chiedersi quale sia la progettualità sportiva a San Lazzaro. Io, personalmente, c’ero quando l’allora AS Scandone Malaguti (non me ne vogliano le attuali squadre sanlazzaresi) militava in serie B ma quei tempi sembrano davvero lontani. Si riprenderà lo sport (e la gestione dei relativi impianti) a San Lazzaro oppure dovremmo attendere ancora per molto tempo? Una cosa è certa: siamo giunti al capolinea ed è giunto il momento di ripartire

2 pensieri riguardo “Dalla “cittadella dello sport” ad oggi: un viaggio senza ritorno?

  1. Hosting ha detto:

    I tennisti lasciano definitivamente le Terme di Giunone e si trasferiscono alla Cittadella dello sport, in via Santi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *